Indice del forum
FAQ   Cerca   Lista utenti   Gruppi   Registrati  Profilo   Messaggi privati   Log in 

Vanni Santoni e le droghe.. il gruppo.. la solitudine..

 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Piazza Grande: parliamo di libri
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
SaraMago



Registrato: 12/06/08 09:35
Messaggi: 18

MessaggioInviato: Ven Giu 27, 2008 4:23 pm    Oggetto: Vanni Santoni e le droghe.. il gruppo.. la solitudine.. Rispondi citando

C’è una frase dell’ultimo libro che ho letto che mi ha colpita molto:

“E’ quando sei solo che con le sostanze ‘hai un problema’, perché è l’essere soli, il problema” dice il Paride. […]
“E’ una questione di anticorpi, il gruppo ti tutela, ammortizza tutte le storie” Iacopo continua..
(“Gli interessi in comune” di Vanni Santoni, p.100)

E’ vero che quando sei solo con te stesso i problemi si acuiscono. Gli amici, se sono veri amici, ti accettano con tuoi pregi e difetti… soprattutto nei piccoli paesi dove ci si conosce tutti, anche se ognuno ha i suoi interessi. Ma anche pur vero che sono le droghe stesse che ti isolano e vedi il resto come qualcosa di estraneo.. ti senti un po’.. ti senti un pesce fuor d’acqua..

In questo contesto per esempio, i due personaggi parlando di un ragazzo, Loriano, che si e’ suicidato, proprio perché... pur stando in gruppo.. non riusciva ad essere parte del gruppo..
Top
Profilo Invia messaggio privato Yahoo MSN
mario



Registrato: 21/02/08 09:45
Messaggi: 3

MessaggioInviato: Gio Lug 03, 2008 1:11 pm    Oggetto: Re: Vanni Santoni e le droghe.. il gruppo.. la solitudine.. Rispondi citando

“E’ una questione di anticorpi, il gruppo ti tutela, ammortizza tutte le storie”
Non so fino a che punto sia vera questa affermazione, e non so se chi la fa ci creda fino in fondo. Dalla mia esperienza di provinciale posso dire che il gruppo spesso (a me è capitato) nasce dalla noia, dal non sapere, quando esci, perché in provincia devi uscire tutte le sere, perché esci. Allora ti incontri al bar, giretto di superalcolici e poi giretto in macchina a farsi una canna, ritorno al bar, altro giro di superalcolici... . Ma poi nel gruppo si comunica? Gli argomenti sono sempre gli stessi, figa, calcio qualche libro, per gli ometti. Ma mai nulla che possa svelare chi sei veramente, che cosa desideri, cosa sogni... E sempre la stessa frase detta a turno: "Che schifo di posto. non vedo l'ora di andar via..." Sapendo che quasi sempre si resta...
Vi racconto una storia di vent'anni fa... Ditemi voi se è cambiato qualcosa
Top
Profilo Invia messaggio privato
SaraMago



Registrato: 12/06/08 09:35
Messaggi: 18

MessaggioInviato: Gio Lug 03, 2008 3:09 pm    Oggetto: Rispondi citando

Condivido in pieno Mario..

hai centrato il punto. Praticamente nel tuo messaggio c'è il cuore del libro di Vanni Santoni (nella mia forma c'è il link al sito dove puoi scaricarti il primo capitolo.. comunque ti consiglio leggertelo tutto).
I ragazzi escono insieme ma non comunicano mai veramente.. non sono nememno simili come gusti ed interessi.
Escono solo per sballarsi, e servono gli uni agli altri per sballarsi.. per acquistare.. e per un supporto nel caso di un "bad trip".
Anche io vengo dalla provincia.. ehh si, la vita è sempre quella. Spesso si esce insieme ma ognuno è nel suo mondo, soprattutto quando si beve.. o si fuma.. o si fa altro..
è come se si è un gruppo.. ma mai una somma: non so se mi sono spiegata.
Però una cosa c'è di vero in questa frase: quando si esce con il gruppo non c'eè bisogno di parlare dei propri problemi perchè tanto li conoscono tutti in paese.. e già solo per il fatto che escono con te significa che non se ne fanno un problema. Il problema è quando sei escluso per qualche pregiudizio.. è questa la storia di Floriano..
_________________
Il libro che leggerò: "Amore 14"
Top
Profilo Invia messaggio privato Yahoo MSN
Iriss



Registrato: 03/04/06 18:55
Messaggi: 2476
Residenza: Sicilia

MessaggioInviato: Dom Lug 06, 2008 11:47 pm    Oggetto: Rispondi citando

La droga come rifugio, come mondo alternativo. SI cerca altrove quello che il mondo reale non ci dà.
Parlavate di gruppo; di un gruppo che ammortizza tutto. Sono d'accordo con te mario. Il problema di oggi è che non esistono più gruppi, si sta insieme solo per necessità. Ognuno porta avanti solo la propria identità.
Non sappiamo pìù creare legami con gil altri, tutto nasce e finisce in relazione ai noistri interessi. Tutto è competizione, prevaricazione.... e in un mondo alternativo per un attimo ci si allontana da tutto quello che non va bene per noi. Si cerca di trovare quel qualcosa in più che non sempre arriva.
SaraMago...a mio avviso quando esci con il gruppo non c'è bisogno di parlare dei propri problemi non solo perchè in paese li conoscono tutti ma anche perchè non contano più i problemi, conta solo stare con il gruppo, e nel gruppo non c'è spazio per i problemi di ogni singolo individuo, soprattutto se il gruppo è un modo per scappare dai problemi..
_________________
You have my heart so don't hurt me....You're everything to me
Top
Profilo Invia messaggio privato
Merovingio



Registrato: 25/09/06 17:32
Messaggi: 726

MessaggioInviato: Mar Lug 08, 2008 11:42 am    Oggetto: Rispondi citando

Ciao! Ho iniziato il libro da poco. Quando l'avrò finito, vi dirò la mia. Smile

Non concordo totalmente con il vostro punto di vista, anche se avete tutti ragione. Sono tutte sfaccettature che esistono e vanno prese in considerazione: il paradosso tra l'essere in gruppo e contestualmente sentirsi soli, la mancanza di comunicazione, la voglia di sballare e una sorta di insofferenza per la routine quotidiana.

Non condivido questa visione necessariamente disfattista. Anch'io ho sempre vissuto in provincia e se potessi tornare indietro, non cambierei nulla: ho avuto la fortuna di crescere con degli ottimi amici con cui ho condiviso momenti stupendi, e altri meno. L'esagerazione e l'esasperata voglia di sballare, che sembrano ormai il filo conduttore di questi ultimi anni, per fortuna non ci hanno toccati.
Anche tra di noi gli argomenti di discussione sono sempre stati futili e superficiali; ma tra persone che si conoscono e frequentano da una vita, nasce un legame talmente forte che spesso bastano qualche sguardo o qualche gesto per capirsi e comunicare.
Stare in gruppo non significa solo sballarsi: stare in gruppo significa sentirsi al sicuro e sapere che quando cadiamo ci sarà sempre una mano pronta a farci rialzare.

Very Happy
_________________
Waiting for...
Io però mi sono rotto di waitare!!
Very Happy
Top
Profilo Invia messaggio privato
mario



Registrato: 21/02/08 09:45
Messaggi: 3

MessaggioInviato: Mar Lug 08, 2008 4:12 pm    Oggetto: Rispondi citando

Merovingio ha scritto:
Ciao! Ho iniziato il libro da poco. Quando l'avrò finito, vi dirò la mia. Smile

Very Happy

Ciao a tutte/i
Il libro io ho finito di leggerlo ieri. Me lo ha regalato mia moglie venerdì scorso... Devo dire che ho riso un sacco... Mi ha un po' spiazzato, pensavo a un libro di tipo diverso, invece scorre bene, è divertente pur toccando argomenti duri e descrivendo una realtà altrettanto dura e vuota.
Per non parlare poi delle situazioni descritte... Confesso che mi sono ritrovato in molte, ma la storia iniziale del gruppo in acido a Firenze che tutt'a un tratto sbuca in Santa Croce rimanendo sopraffatto dalla maestosità del complesso... beh, l'ho vissuta anch'io con altri due miei amici nel capodanno del 91 (le sostanze erano diverse, l'effetto no)
Top
Profilo Invia messaggio privato
Iriss



Registrato: 03/04/06 18:55
Messaggi: 2476
Residenza: Sicilia

MessaggioInviato: Mar Lug 08, 2008 4:24 pm    Oggetto: Rispondi citando

si anche io ho trovato il libro parecchio scorrevole e tutto sommato divertente...
_________________
You have my heart so don't hurt me....You're everything to me
Top
Profilo Invia messaggio privato
SaraMago



Registrato: 12/06/08 09:35
Messaggi: 18

MessaggioInviato: Mer Lug 09, 2008 11:17 am    Oggetto: Rispondi citando

Si in effetti ho riportato una frase del libro che mi ha particolarmente colpita..
ma il libro nel suo insieme a tratti è molto itineranete.. anche io in molte situazioni mi ci rivedo.. soprattutto quando descrive le feste e concerti all'aperto.. e la gente di tutti i tipi che ci si trova!
_________________
Il libro che leggerò: "Amore 14"
Top
Profilo Invia messaggio privato Yahoo MSN
Iriss



Registrato: 03/04/06 18:55
Messaggi: 2476
Residenza: Sicilia

MessaggioInviato: Gio Lug 10, 2008 10:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ale la mia non volev essere una visione totalmente disfattista. é verro che per non tutti i gruppi lo sballamento è una tappa quasi obbligatoria direi. però oggi è sempre più difficile trovare un gruppo come il tuo. e non solo per quanto riguarda la droga....
_________________
You have my heart so don't hurt me....You're everything to me
Top
Profilo Invia messaggio privato
Iriss



Registrato: 03/04/06 18:55
Messaggi: 2476
Residenza: Sicilia

MessaggioInviato: Lun Set 22, 2008 11:07 pm    Oggetto: Rispondi citando

Per chi volesse Vanni Santoni ha aperto un blog sul sito Feltrinelli. Ecco il link

http://www.feltrinellieditore.it/BlogAutore?id_autore=1000823&blog_id=42
_________________
You have my heart so don't hurt me....You're everything to me
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Piazza Grande: parliamo di libri Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group phpbb.it