Indice del forum
FAQ   Cerca   Lista utenti   Gruppi   Registrati  Profilo   Messaggi privati   Log in 

CHI MI DICE COSA STA LEGGENDO IN QUESTO PERIODO? III
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 9, 10, 11, 12  Successivo
 
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Piazza Grande: parliamo di libri
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Iriss



Registrato: 03/04/06 18:55
Messaggi: 2476
Residenza: Sicilia

MessaggioInviato: Gio Lug 01, 2010 6:08 pm    Oggetto: Rispondi citando

Io non ho ancora letto nulla di Sveva Casati Modigliani, però concordo con il fatto che Baricco è sempre Baricco...
Elena, a tal proposito... hai letto Novecento?? Wink Wink
_________________
You have my heart so don't hurt me....You're everything to me
Top
Profilo Invia messaggio privato
destino



Registrato: 28/01/06 20:04
Messaggi: 743

MessaggioInviato: Ven Lug 02, 2010 1:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

.. si si.. Novecento, quanti ricordi quel libro..
Iriss, non so se ricordi, ormai anni fa, quella volta in cui un ragazzo, iscritto al forum, parlò dell'inutilità del libro di Baricco "Senza Sangue", ci fu un dibattito e, dopo averlo riletto, scrissi tutto quello che il libro, a mio avviso, voleva trasmettere, il significato vero, il messaggio.. in poche parole, volevo dimostrare che tutto poteva essere, meno che un libro inutile. Infatti sono convinta che si tratti, ancora, di un bellissimo libro.
Lui continuava dicendo, che costava troppo per quante poche pagine ci fossero.. Come se la qualità di un buon libro, dipendesse dal suo peso Shocked ..
Mi era venuto in mente questo episodio, parlando di Baricco.
Cool
_________________
Sarei contento solo se il mio corpo fosse la mia anima...
Così tutti i venti, tutti i soli e tutte le piogge
sarebbero da me sentiti nell'unico modo che vorrei...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Iriss



Registrato: 03/04/06 18:55
Messaggi: 2476
Residenza: Sicilia

MessaggioInviato: Ven Lug 02, 2010 6:26 pm    Oggetto: Rispondi citando

Destino non ricordo questo particolare, io sono pure arrivata dopo di te sul forum.
Non ho letto Senza sangue... come è?

Lasciamo perdere l'argomento grandezza di un libro uguale qualità, non capisco seriamente come si possa pensare una cosa del genere.
Libri di poesie che contengono pochissime parole sono allora inutili? e Tutti gli ultimi successi editoriali sono tutti dei capolavori?
Si potrebbe aprire un topic a parte... ma siamo cosi pochi... Sad
_________________
You have my heart so don't hurt me....You're everything to me
Top
Profilo Invia messaggio privato
cercoeditore



Registrato: 27/11/09 16:53
Messaggi: 92
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Ven Lug 02, 2010 6:32 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ahimé non ho mai letto Baricco anche se me lo sono ripromesso quindi prima o poi lo faccio, invece ho letto un po' di cose di Andrea De Carlo che mi piace molto. Mi prende talmente tanto che una volta mi sono dimenticata di scendere alla fermata giusta per colpa sua e sono dovuta tornare indietro. Il libro colpevole è "Tecniche di seduzione". Appena ho finito "Un killer fra i filosofi" che è molto avvincente, volevo provare a leggere sveva casati modignani ed ho trovato in casa "Vaniglia e cioccolato" cerco di prendere libri che ho già perché se entro in libreria mi sparo tutto lo stipendio in libri!

Grazie dei consigli
ciao
elena Smile
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Iriss



Registrato: 03/04/06 18:55
Messaggi: 2476
Residenza: Sicilia

MessaggioInviato: Ven Lug 02, 2010 7:06 pm    Oggetto: Rispondi citando

Io mi sono ripromessa di leggere qualche altrea cosa di De Carlo...
ma anche io vorrei evitare di andare in libreria, ho tanti libri che aspettano di essere letti... Proprio l'altro giorno sono entrata per caso alla feltrinelli,non dovevo prendere nulla e sono uscita con 4 libri... adesso dovrei fermarmi un pò Wink Wink Wink Laughing
_________________
You have my heart so don't hurt me....You're everything to me
Top
Profilo Invia messaggio privato
destino



Registrato: 28/01/06 20:04
Messaggi: 743

MessaggioInviato: Ven Lug 02, 2010 9:43 pm    Oggetto: Rispondi citando

Per Iriss... Hai ragione, forse tu non eri ancora iscritta al Forum. Comunque, cosa vuoi che ti dica? "Senza Sangue" l'ho trovato bellissimo, intenso, toccante. Ti dico, però, che l'ho letto tre volte, in periodi diversi per afferrarne l'essenza, il senso ultimo.. sempre se vi sia riuscita.
Baricco lo conosci già, lo apprezzi.. spero tu possa apprezzare anche questo suo libro.

Per Elena... "Vaniglia e Cioccolato", "Lezione di Tango" e "Vicolo della Duchesca", sono i miei preferiti di S. C. Modigliani. Quindi te lo consiglio vivamente... come ti consiglio "vivissimamente" di leggere qualcosa di Baricco, ma per lui parlo da persona interessata! Laughing
Ciao.
Cool
_________________
Sarei contento solo se il mio corpo fosse la mia anima...
Così tutti i venti, tutti i soli e tutte le piogge
sarebbero da me sentiti nell'unico modo che vorrei...
Top
Profilo Invia messaggio privato
Iriss



Registrato: 03/04/06 18:55
Messaggi: 2476
Residenza: Sicilia

MessaggioInviato: Ven Lug 02, 2010 9:52 pm    Oggetto: Rispondi citando

destino.. aggingerò anche questo libro alla lista allora Smile
Grazie Smile
_________________
You have my heart so don't hurt me....You're everything to me
Top
Profilo Invia messaggio privato
cercoeditore



Registrato: 27/11/09 16:53
Messaggi: 92
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Sab Lug 03, 2010 1:04 pm    Oggetto: Rispondi citando

Destino mi hai incuriosito sul tuo essere di parte con Baricco! Come mai? Passione letteraria e umana? A me invece è successo che aprendo un libro suo in particolare "Questa storia" mi sono arenata alle prime 10 pagine. Forse è colpa mia visto che mi è successa la stessa cosa con Milan Kundera e con James Joyce! E in vita mia di libri a metà ne ho lasciati davvero pochi.
Ciao
elena
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
destino



Registrato: 28/01/06 20:04
Messaggi: 743

MessaggioInviato: Sab Lug 03, 2010 4:50 pm    Oggetto: Rispondi citando

Bella domanda... di Milan Kundera.. ho letto quasi tutto.. ma ti parlo di anni fa. Pensa che coincidenza, proprio ieri avevo i suoi libri sotto mano e li ho sfogliati un po'.
Di James Joyce ho letto due libri.. ma concordo sul fatto che l'ho trovato... non saprei definirlo, non mi è piaciuto. Trovo che la sua vita reale, così turbolenta, sia stata più interessante dei suoi libri.. ma questo è un mio personale parere.
Come te, non lascio mai un libro a metà... arranco, ma alla fine devo finirlo perchè voglio trovare, cercare un senso che, magari, è nascosto tutto nelle ultime pagine.. sarebbe una perdita ed un peccato non scoprirlo Wink .
Mi ritrovo, però a volte, nel non trovarlo comunque...
Baricco.. Baricco.. la stessa domanda la farei a Iriss. Non so cosa mi piaccia di più. Sicuramente il suo modo di scrivere, lo trovo "particolare", anche quando ciò che scrive sono degli articoli su dei giornali.
Molti ne parlano male, lo criticano, ma continua a piacermi, a distinguersi.
Le sue storie sono sospese tra il reale e l'immaginato, l'onirico ed il vissuto.
Sensuale, riflessivo, spesso concreto.. un po' come Hemingway... sul quale, anni fa, fece anche uno.. diciamo "spettacolo teatrale".. (bellissimo ed interessante ).
Non saprei cosa dire altro. "Oceano Mare", "Seta", "Novecento"... e poi tutti.. unici a loro modo..
Iriss, tu cosa ne pensi di Alessandro Baricco, o meglio, cosa ti piace di lui e perchè?
Ciao Cool
_________________
Sarei contento solo se il mio corpo fosse la mia anima...
Così tutti i venti, tutti i soli e tutte le piogge
sarebbero da me sentiti nell'unico modo che vorrei...
Top
Profilo Invia messaggio privato
destino



Registrato: 28/01/06 20:04
Messaggi: 743

MessaggioInviato: Lun Lug 05, 2010 2:07 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ho appena finito "Parole Nomadi" di Umberto Galimberti! Very Happy
Questo è un libro che allarga gli orizzonti di quella che è la percezione che abbiamo del nostro "quotidiano". Del nostro scontrarci, giornalmente, con concetti che crediamo "immobili" e dei quali, pensiamo di possedere la giusta chiave di lettura.
Oserei dire "Illuminante"!
"Viaggiare non è raggiungere una meta, ma esporsi all'insolito"...

Il mio viaggio riprende ora, da un libro che, tempo fa, dovetti abbandonare "forzatamente"... "Arcipelago Gulag" di Aleksandr Solzenicyn.
Cool
_________________
Sarei contento solo se il mio corpo fosse la mia anima...
Così tutti i venti, tutti i soli e tutte le piogge
sarebbero da me sentiti nell'unico modo che vorrei...
Top
Profilo Invia messaggio privato
cercoeditore



Registrato: 27/11/09 16:53
Messaggi: 92
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Lun Lug 05, 2010 8:33 pm    Oggetto: Rispondi citando

Accenno velocemente al fatto che ho appena terminato "Un killer fra i filosofi" e che si tratta di un buon libro con interessantissimi spunti psicologici. L'autore è inglese e si vede, anzi si sente dal background culturale che sta sotto alla vicenda fatta di squartamenti e omicidi (sono un'appassionata del genere).
Volevo dire a Iris di leggere De Carlo perché oltre ad essere avvincente a mio parere rappresenta un bellissimo esempio di prosa italiana moderna.
E volevo sapere da Destino un pochino di più su "Parole nomadi". Il titolo fa forse riferimento a un approccio filosofico linguistico alla realtà?
E adesso provo a vedere come mi avete consigliato come va con Sveva Casati Modignani.

ciao
elena

e viva la lettura!!!
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
destino



Registrato: 28/01/06 20:04
Messaggi: 743

MessaggioInviato: Mar Lug 06, 2010 12:53 pm    Oggetto: Rispondi citando

Viva la lettura... certo.. sempre...! Wink
Su "Parole Nomadi" ti risponderò quanto prima.
Sono curiosa di sapere come andrà con S. C. Modigliani..
Mi sento un po' responsabile Shocked .
Ciao Ciao Cool
_________________
Sarei contento solo se il mio corpo fosse la mia anima...
Così tutti i venti, tutti i soli e tutte le piogge
sarebbero da me sentiti nell'unico modo che vorrei...
Top
Profilo Invia messaggio privato
destino



Registrato: 28/01/06 20:04
Messaggi: 743

MessaggioInviato: Mar Lug 06, 2010 9:29 pm    Oggetto: Rispondi citando

Parole Nomadi - Umberto Galimberti
Dimentichiamo le nostre prospettive "escatologiche" e così liberi viviamo ciò che ci accade, l'imprevisto... E' questo il nomadismo di cui parla Galimberti.
Solo così, liberati dalle nostre radici e convinzioni, scopriamo un modello di cultura e di educazione che il "nomadismo delle parole" ci offre, perchè non ci offre mai un terreno stabile, ne un andare monotono per il mondo, senza nessuno da incontrare. (Galimberti)
Una reinterpretazione, o meglio, una chiave di lettura diversa, che è poi quella più vera delle parole che si "affrontano" in questo libro.
Parole delle quali e sulle quali, il filosofo ha parlato in alcuni articoli scritti sul "Sole24 Ore" negli anni 1991-1992.
Adolescenza, Sessualità, Televisione, Creatività, Corpo, Mistero, Popolo, Politica... e tante tante ancora, analizzate e spogliate della loro veste, della loro precedente interpretazione che l'uomo ha riservato loro nel corso dei tempi.
Ripeto "Illuminante".
Ti faccio un piccolo esempio:
Parola - Occidente.. definizione iniziale: Regione geografica abitata da una tribù che non riesce a collocare l'orizzonte dell'umano al di là del proprio orizzonte.
Si inizia così ad argomentare sulla parola in questione.. e così via.
Non so se sia riuscita ad essere stata chiara, ma spero che tu abbia afferrato il senso.
Ciao
Cool
_________________
Sarei contento solo se il mio corpo fosse la mia anima...
Così tutti i venti, tutti i soli e tutte le piogge
sarebbero da me sentiti nell'unico modo che vorrei...
Top
Profilo Invia messaggio privato
cercoeditore



Registrato: 27/11/09 16:53
Messaggi: 92
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Mer Lug 07, 2010 6:06 pm    Oggetto: Rispondi citando

[quote="destino"]Parole Nomadi - Umberto Galimberti

Ti faccio un piccolo esempio:
Parola - Occidente.. definizione iniziale: Regione geografica abitata da una tribù che non riesce a collocare l'orizzonte dell'umano al di là del proprio orizzonte.
Si inizia così ad argomentare sulla parola in questione.. e così via.
Non so se sia riuscita ad essere stata chiara, ma spero che tu abbia afferrato il senso.
Ciao
Cool[/quote]

Bellissima!

grazie della spiegazione
ciao

Elena Smile
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
destino



Registrato: 28/01/06 20:04
Messaggi: 743

MessaggioInviato: Mar Lug 13, 2010 3:12 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Elena.. come va la lettura di "Vaniglia e Cioccolata"?
Lo sai che ora siamo curiosi di sapere..
Io, intanto, ho da poco iniziato il terzo e ultimo volume di "Arcipelago Gulag".
Cool
_________________
Sarei contento solo se il mio corpo fosse la mia anima...
Così tutti i venti, tutti i soli e tutte le piogge
sarebbero da me sentiti nell'unico modo che vorrei...
Top
Profilo Invia messaggio privato
cercoeditore



Registrato: 27/11/09 16:53
Messaggi: 92
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Sab Lug 17, 2010 11:47 am    Oggetto: Rispondi citando

Sta andando benone ma lo devo ancora finire! Sono a buon punto quindi un'idea me la sono fatta. Trovo che sia un romanzo che si legge benissimo, che parla di sentimenti in maniera molto attenta e delicata e coinvolge (a me sta antipatico l'amante Mortimer). Stilisticamente la prosa è... come dire... "minuta", fatta di piccole cose non tende ad un grande respiro narrativo.

Invece pensa che io specialista in letteratura russa non ho mai letto "Arcipelago Gulag", di Solzenicyn conosco "Una giornata di Ivan Denisovic".

ciao e buona lettura con questo caldo!

Elena Smile
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
destino



Registrato: 28/01/06 20:04
Messaggi: 743

MessaggioInviato: Sab Lug 17, 2010 8:10 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Elena.. ciao a tutti!
Ti avevo già accennato al fatto che la prosa non fosse "indimenticabile", ma il solo fatto che si parli di sentimenti, come dici tu, in maniera molto attenta e delicata.. come dire.. vale il prezzo del biglietto! Wink
A questo punto non posso che consigliarti "Lezione di tango", a mio avviso più bello..

Che tu non avessi letto "Arcipelago Gulag" lo avevo immaginato. Perchè dirai tu! Shocked .. Perchè da amante quale sei, della letteratura russa, non era possibile che non ti esprimessi in merito, tenendo conto che ho nominato molte volte questo libro.. Rolling Eyes
Come te, ho letto anni fa "Una giornata di Ivan Denisovic" e "Padiglione Cancro", sempre di Solzenicyn. Entrambi bellissimi.. anche se non si dovrebbe dire, tenendo conto degli argomenti trattati..
Se deciderai di leggere "Arcipelago Gulag".. e te lo consiglio vivamente, ti accorgerai che il caro Denisovic viene citato più volte, come anche altri libri, (che ho avuto la fortuna di aver già letto), o filosofi come Bertrand Russell.. conosco bene anche lui.
Tutto ciò, serve per la comprensione di un libro che "merita", come merita tutta la nostra stima il suo autore "Solzenicyn.
Mi affascina il suo modo di scrivere, in ogni sua parole.. Ma parlerò del libro appena lo concluderò. Sono ad un terzo dell'ultimo volume.
Ciao
Cool
_________________
Sarei contento solo se il mio corpo fosse la mia anima...
Così tutti i venti, tutti i soli e tutte le piogge
sarebbero da me sentiti nell'unico modo che vorrei...
Top
Profilo Invia messaggio privato
cercoeditore



Registrato: 27/11/09 16:53
Messaggi: 92
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Dom Lug 18, 2010 3:28 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Destino
terminato "Vaniglia e cioccolato" torno ad una lettura più in linea con la mia passione cioè "L'arte del dubbio" di Carofiglio. Conto però di leggere "Lezioni di tango". Alterno un po'!!!!
A mio parere, e qualche giorno fa ne parlavano anche su "la Repubblica" il genere giallo permette di rappresentare meglio le contraddizioni della nostra società, ovviamente se scritto da un bravo scrittore!

Ciao
Elena Smile
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
destino



Registrato: 28/01/06 20:04
Messaggi: 743

MessaggioInviato: Lun Lug 19, 2010 2:57 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Very Happy
Sul fatto di alternare la penso allo stesso modo. Anche se, a volte, mi capita di essere presa così tanto da un argomento, da volerne sapere sempre di più. Quindi, non mi pesa continuare a leggere dei libri che seguono lo stesso filo conduttore.
Non ricordo bene, ma forse avevo già accennato al fatto che non fossi una grande lettrice di gialli Rolling Eyes .
Non posso, dunque, dire se ciò che hai letto su "Repubblica" sia la verità... quando anche altre, possono essere verità..Wink
Cool
_________________
Sarei contento solo se il mio corpo fosse la mia anima...
Così tutti i venti, tutti i soli e tutte le piogge
sarebbero da me sentiti nell'unico modo che vorrei...
Top
Profilo Invia messaggio privato
destino



Registrato: 28/01/06 20:04
Messaggi: 743

MessaggioInviato: Dom Ago 01, 2010 1:15 pm    Oggetto: Rispondi citando

Terminato "Arcipelago Gulag" di Aleksandr Solzenicyn.
Devo iniziare, anche se non saprei esattamente da dove e come iniziare per scrivere qualcosa su questo "libro".
Nel secondo, dei tre volumi, dalla lettera di una ex detenuta dell'Ucraina occidentale, si citano queste parole: "Ci può capire soltanto chi ha mangiato insieme a noi dalla stessa scodella".
Nel terzo ed ultimo volume, nelle ultime pagine Solzenicyn scrive: "Oh, pensatori occidentali di -sinistra-, così amanti della libertà! Oh, studenti progressisti americani, tedeschi, francesi! Tutto questo è ancora troppo poco per voi! Per voi, tutto il mio libro si riduce in sostanza a nulla. Capirete ogni cosa, e di colpo, solo il giorno che -mani dietro la schiena!- partirete voi stessi per il nostro Arcipelago".
Quello che mi chiedo è questo.. Posso aver capito, realmente, qualcosa leggendo -Arcipelago Gulag-? Vorrei tanto che la risposta fosse SI! ..
Solzenicyn, al pari di Primo Levi, lotta con le parole, come lui, si sforza di tradurre in parole ciò che è stato per lui, per milioni di persone. Dice, ridice, dice nuovamente.. ma è come se il suo sforzo fosse, se non vano, insufficiente. Ciò che gli occhi hanno visto.. le parole non hanno la forza e la capacità di esprimere appieno. Le parole hanno dei limiti dove la violenza non ne ha avuti, dove la quotidianità non si interrogava sul fatto di averne, o meno.. di limiti.
Gli occhi hanno visto l'uomo che "abdicava" a sé stesso, per divenire bestia.
Homo homini lupus.. C'era possibilità di scelta, c'era possibilità di poter essere altro? Solzenicyn è come se ce lo urlasse in faccia: "No! Non c'era!"
Guardando le sue foto è come entrare nei suoi pensieri. La prima foto, quella dell'arresto, Aleksandr è un ragazzo spaventato, si interroga, sa di non aver colpa e spera che ciò possa bastare.. Il suo è uno sguardo che interroga, ma è anche uno sguardo che ancora spera..
Altra foto, quella scattata nel lager speciale. La speranza è "defunta", è tempo di elaborarne il lutto. C'è paura, incertezza, c'è rassegnazione.
Ultima foto appena liberato .. abbasso lo sguardo, non ce la faccio, posso solo guardare dentro me stessa. Mi sento accusata in prima persona, mi sento carnefice e vittima allo stesso tempo.
E mi chiedo cosa abbia capito, leggendo questo libro, leggendo di questa vita.

P.S. Scusatemi per essermi dilungata, ma non potevo liquidare il tutto in due parole.
_________________
Sarei contento solo se il mio corpo fosse la mia anima...
Così tutti i venti, tutti i soli e tutte le piogge
sarebbero da me sentiti nell'unico modo che vorrei...
Top
Profilo Invia messaggio privato
cercoeditore



Registrato: 27/11/09 16:53
Messaggi: 92
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Mar Ago 03, 2010 7:02 pm    Oggetto: Rispondi citando

Certo si tratta di un libro importante e si capisce dal tuo commento quanto possa scuotere! Siamo su un forum e la letteratura svolazza e allora svolazzo anch'io su altri temi così si va avanti a parlare di libri e in questo caso quelli che sto leggendo io. Allora mi sono letta "L'arte del dubbio" di Gianrico Carofiglio. L'autore scrive che è una meraviglia ma sicuramente è un libro che può interessare molto chi scrive, perché non è un romanzo ma una specie di trattato! Mentre adesso sto leggendo "Le terme" di Manuel Vàzquez Montalbàn (finalmente un Feltrinelli Wink )!
Sono in piena lettura quindi il commento si dà alla fine anche perché è un giallo! Un po' dispersivo lo stile ma molto spiritoso nel tratteggiare i personaggi.

ciao e come spesso ricordo a me e agli altri viva la lettura! Smile

Elena
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
destino



Registrato: 28/01/06 20:04
Messaggi: 743

MessaggioInviato: Mar Ago 10, 2010 1:41 pm    Oggetto: Rispondi citando

Il vento è cambiato e così, dopo l'ultimo libro che ho letto, mi sono ritrovata ad affrontarne un altro di tutt'altro genere "Le centoventi giornate di Sodoma" del Marchese De Sade Shocked
Non aspettatevi descrizioni del suo contenuto, non perchè non troverei le parole per farlo, senza cadere nel volgare. Ma, sinceramente, credo che non ci sia bisogno.
Aberrazioni, efferatezze, violenza, incesto, pedofilia, assassinio... manca ancora qualcosa che possa essere considerato peggio? Si! Manca il modo di descrivere tutto ciò in modo che le parole non risultino rivoltanti.
Credo che la scelta di un tale linguaggio, non solo sia un limite dello scrittore, ma un "non voluto impegno" per descrivere diversamente, ciò che diversamente non vuole l'autore descrivere.
Per lui ogni cosa ha un nome e un cognome.. nessun diminutivo che ne abbellisca l'insieme, nessun trucco.
Avrò altro da dire.. sono ancora a metà!
Cool
_________________
Sarei contento solo se il mio corpo fosse la mia anima...
Così tutti i venti, tutti i soli e tutte le piogge
sarebbero da me sentiti nell'unico modo che vorrei...
Top
Profilo Invia messaggio privato
cercoeditore



Registrato: 27/11/09 16:53
Messaggi: 92
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Gio Ago 12, 2010 5:07 pm    Oggetto: Rispondi citando

[quote="destino"]Il vento è cambiato e così, dopo l'ultimo libro che ho letto, mi sono ritrovata ad affrontarne un altro di tutt'altro genere "Le centoventi giornate di Sodoma" del Marchese De Sade Shocked
Non aspettatevi descrizioni del suo contenuto, non perchè non troverei le parole per farlo, senza cadere nel volgare. Ma, sinceramente, credo che non ci sia bisogno.
Aberrazioni, efferatezze, violenza, incesto, pedofilia, assassinio... manca ancora qualcosa che possa essere considerato peggio? Si! Manca il modo di descrivere tutto ciò in modo che le parole non risultino rivoltanti.
Credo che la scelta di un tale linguaggio, non solo sia un limite dello scrittore, ma un "non voluto impegno" per descrivere diversamente, ciò che diversamente non vuole l'autore descrivere.
Per lui ogni cosa ha un nome e un cognome.. nessun diminutivo che ne abbellisca l'insieme, nessun trucco.
Avrò altro da dire.. sono ancora a metà!


Ciao Destino
simpatica questa tua osservazione considerato il tipo di libro che stai leggendo, dedicato proprio alle aberrazioni sessuali Wink
anche se io non l'ho mai letto!
Invece io ho pressoché finito "Le Terme" di Montalban e devo dire che non mi piace come giallo! La vicenda in sé è piuttosto difficile da seguire e poco avvincente! Mi piace invece come descrive gli esseri umani. I suoi personaggi sono pieni di umani difetti e presi graziosamente in giro dall'autore!
Adesso devo ancora decidere cosa leggere!
Ciao e facci sapere come va a finire il De Sade!

Elena Smile
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
destino



Registrato: 28/01/06 20:04
Messaggi: 743

MessaggioInviato: Sab Ago 14, 2010 2:56 pm    Oggetto: Rispondi citando

E se non piace a te "Le Terme" che sei una cultrice i gialli.. figurati cosa ne potrei pensare io.. Confused
Trovo, invece, molto interessante, le osservazioni che gli autori in generale fanno, sugli esseri umani.
Modi di vedere "vizi e virtù" da tanti punti di vista diversi.
Con De Sade.. prosegue.. vi dirò a breve! Wink
Cool
_________________
Sarei contento solo se il mio corpo fosse la mia anima...
Così tutti i venti, tutti i soli e tutte le piogge
sarebbero da me sentiti nell'unico modo che vorrei...
Top
Profilo Invia messaggio privato
destino



Registrato: 28/01/06 20:04
Messaggi: 743

MessaggioInviato: Dom Ago 15, 2010 10:38 pm    Oggetto: Rispondi citando

Lo so che scrivere il giorno di ferragosto parrà strano a qualcuno Shocked .
Oggi ho deciso, necessariamente, di finire il libro che stavo leggendo "Le centoventi giornate di Sodoma". Ho tirato un sospiro di sollievo, credetemi! Confused
Confermo tutto ciò che ho scritto precedentemente. Posso solo dire, in più, che l'ultima parte è stata indubbiamente tra le peggiori.
Non solo per le descrizioni che vi erano riportate, ma anche per lo stile che l'autore ha deciso di adottare.
Né più né meno che un lungo elenco, come se si trattasse della "lista della spesa". Ciò che ad un certo punto mi ha fatto un po' "impressione" è stato il fatto che, mentre leggevo il tutto era come se, in qualche modo, fossi assuefatta a tali "efferatezze". Non riuscivo più a farmi impressionare da niente! Allucinante anche il solo pensiero.. Crying or Very sad
Ora ho bisogno di "ritrovarmi".. per ora niente violenze, niente sesso, luoghi e periodi storici diversi.
Torno in Oriente, ne ho bisogno. Voglio un romanzo dove si parli anche di "AMORE", dove si parli di "PERSONE" e non di pezzi di carne.
"Matrimonio a Bombay" di Julia Gregson è stata la mia scelta, tra quelle a disposizione. Vedremo!
Cool
_________________
Sarei contento solo se il mio corpo fosse la mia anima...
Così tutti i venti, tutti i soli e tutte le piogge
sarebbero da me sentiti nell'unico modo che vorrei...
Top
Profilo Invia messaggio privato
cercoeditore



Registrato: 27/11/09 16:53
Messaggi: 92
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Sab Ago 21, 2010 8:33 am    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Destino mi chiedevo, ma che fine ha fatto Iris dopo aver comprato 4 libri nuovi?
Io adesso sto leggendo P.D. James "La torre nera" ma sono solo all'inizio!

Ciao
Elena
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
destino



Registrato: 28/01/06 20:04
Messaggi: 743

MessaggioInviato: Lun Ago 23, 2010 12:44 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Elena,
credo che Iriss stia meritando un po' di meritato riposo.. almeno penso! Rolling Eyes
Questo per me è un periodo un po' strano.. non sto riuscendo a leggere molto.. solo poesie..
Cool
_________________
Sarei contento solo se il mio corpo fosse la mia anima...
Così tutti i venti, tutti i soli e tutte le piogge
sarebbero da me sentiti nell'unico modo che vorrei...
Top
Profilo Invia messaggio privato
cercoeditore



Registrato: 27/11/09 16:53
Messaggi: 92
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Mar Ago 24, 2010 8:44 pm    Oggetto: Rispondi citando

Ciao Destino
chiaramente sono curiosa di sapere che poesie stai leggendo! Per quanto riguarda le mie di letture "La torre nera" di P.D.James mi sta piacendo molto per la profondità con cui tratta i personaggi facendoci entrare nei loro sentimenti. Considera che è ambientato in un ricovero per persone con grossi problemi di deambulazione. Ma non sono neanche a metà... quindi posso dire ancora poco.
ciao
elena Smile
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
destino



Registrato: 28/01/06 20:04
Messaggi: 743

MessaggioInviato: Ven Ago 27, 2010 9:21 am    Oggetto: Rispondi citando

Ciao..
Tutto ciò che è poesia.. Lorca, Pessoa, Merini, Tagore.. Diciamo che leggo quello che ho a portata di mano per ora..
Ma ho voglia di parole che tocchino l'anima!

Il libro che stai leggendo "La torre nera", mi sembra molto interessante davvero! Poi ci farai sapere..
Cool
_________________
Sarei contento solo se il mio corpo fosse la mia anima...
Così tutti i venti, tutti i soli e tutte le piogge
sarebbero da me sentiti nell'unico modo che vorrei...
Top
Profilo Invia messaggio privato
cercoeditore



Registrato: 27/11/09 16:53
Messaggi: 92
Residenza: Roma

MessaggioInviato: Lun Set 06, 2010 9:41 pm    Oggetto: Rispondi citando

"La Torre nera" l'ho terminato ma non ho molto da aggiungere. Mi ha colpito come dicevo nel messaggio precedente la capacità psicologica dell'autrice di approfondire i sentimenti buoni e cattivi di persone disabili, ma il giallo alla fin fine non mi ha entusiasmato molto!

Che dire è il bello della letteratura!

Elena
Top
Profilo Invia messaggio privato Invia e-mail
Mostra prima i messaggi di:   
Nuovo argomento   Rispondi    Indice del forum -> Piazza Grande: parliamo di libri Tutti i fusi orari sono GMT + 1 ora
Vai a Precedente  1, 2, 3 ... 9, 10, 11, 12  Successivo
Pagina 10 di 12

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi


Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group phpbb.it